Abbiamo fornito dei mystery client che, anche se maggiorenni, potevano dimostrare un’età inferiore. Gli shopper cercavano l’interazione con la hostess per verificare la corretta applicazione della procedura e una volta terminata la visita si presentavano alla hostess discutendo con lei i dettagli della verifica acquisendo una foto della divisa indossata e compilando a quattro mani il report finale.

In questo modo il tam tam fra le operatrici ha portato una grande attenzione ai particolari della presentazione del prodotto e le situazioni anomale si sono pressoché azzerate nell’arco di tre cicli di verifica.

Casi studio

Chi vende i prodotti online? Cosa vende?

Un nostro cliente vuole controllare i prodotti che vengono venduti online per evitare che i suoi venditori propongano anche prodotti non originali o fuori dalla rete di vendita ufficiale.

Controllo promoter con mystery audio

Un nostro cliente promuove i propri prodotti attraverso promoter all’interno di centri…

Aeroporto benchmarking fra punti vendita

Un aeroporto ci ha chiesto di stilare una classifica dei punti vendita verificando il…