Gli shopper si sono recati in ogni villaggio nel mondo verificando dapprima come semplici clienti l’ottemperanza alle normative internazionali in ambito sicurezza alimentare; successivamente gli shopper si recavano nelle cucine presentandosi e verificando insieme alla gestione il rispetto della normativa sia da parte del personale sia verificando l’adeguatezza delle strutture.

Per ogni villaggio è stata stilata una lista di cose da fare e di interventi formativi con la promessa di riesaminare le strutture più carenti in sei mesi.

Le non conformità rilevate si sono ridotte nel ciclo successivo di verifiche del 30% e la proprietà ha potuto stilare una lista di priorità di interventi da effettuare sulle strutture che prima del progetto non erano mai state verificate da personale italiano esperto.

Casi studio

Panini scaldati o no?

Durante le “normali” visite in modalità mystery client gli shopper valutavano alcuni prodotti troppo salati mentre altri scenari non riscontravano questa caratteristica.

Controllo degli standard del punto vendita

Una catena di negozi di elettronica di consumo internazionale ci ha chiesto di inviare i…

Hotel per congressi

Un hotel voleva aumentare il fatturato offrendo servizi per congressi ad aziende. L’hotel…