L’obiettivo era ideare una check list in grado di valutare i differenti tipi di negozi stilando un benchmarking per stimolare la competizione fra operatori. Il sistema attraverso verifiche mensili premiava il miglior punto vendita in generale e per qualsiasi categoria.

Gli shopper dovevano riuscire a valutare anche i negozi dopo le aree di check in ed essere di varie nazionalità per poter verificare l’assistenza riservata ai clienti stranieri.

I risultati sono stati: un aumento dell’indice di qualità del 20% nel secondo ciclo di verifiche e, annualmente, una diminuzione delle anomalie del 47%. I fattori che maggiormente generavano disagi come l’assenza di cartellino identificativo, il mancato rispetto degli orari di apertura si sono ridotti a percentuali minime e nella maggioranza dei cicli sono scomparsi. Inoltre il customer care ha riscontrato una diminuzione dei reclami sui negozi.

Casi studio

Villaggi turistici e Haccp

Una catena di villaggi turistici si chiedeva se i villaggi adottassero correttamente il modello HACCP. Abbiamo fornito gli shopper qualificati in ambito sicurezza sanitaria, presenti nel nostro panel auditor ISO 9001.

Monitoraggio affissioni nei distributori di carburante

Un brand del settore distribuzione carburanti gestisce una serie di cartelloni…

Le hostess in outsourcing rispettano la normativa?

Un nostro cliente promuove i nuovi prodotti attraverso hostess presenti in vari punti…