Tramite il mystery video abbiamo registrato i venditori mentre proponevano le automobili sottoponendo loro le domande stabilite dal role playing e cercando di stimolare offerte di optional.

Abbiamo montato i video selezionando tutti i momenti del “Venditore Ideale” che mostrava no per ogni fase della vendita il corretto modo di presentare i vantaggi connessi all’acquisto e il corretto modo di ascoltare le necessità del cliente (non si parla dell’ampiezza del bagagliaio ad un giovane o di sicurezza a chi non chiede informazioni).

Inoltre da ogni video abbiamo estratto i comportamenti non conformi e con la formazione fatta ai venditori è stato evidenziato come gli errori comportavano atteggiamenti di chiusura alla trattativa da parte dei clienti.

Con questa metodologia tutt’oggi si valuta la formazione e la qualità dei venditori ad ogni lancio di nuovi modelli e si riduce il tempo di formazione del personale. È aumentato il numero di test drive e la permanenza dei clienti in filiale durante le visite

Casi studio

Mystery Motorist con danno simulato

Il brand voleva verificare la loyalty della propria rete di concessionari e l’attenzione della rete alle piccole richieste dei clienti in garanzia. Abbiamo proposto un mystery post vendita con un piccolo danno (ad esempio il sensore pressione pneumatici…

Benchmarking nella GDO

Un marchio tedesco della Grande Distribuzione valuta le proprie filiali attraverso un…

Una catena di Hotel con qualche “problema”

Con i nostri shopper abbiamo strutturato dei gruppi di clienti potenziali come famiglia,…